Disturbi sessuali e disfunzioni sessuali

disturbi sessuali e disfunzioni sessuali

I disturbi sessuali vengono comunemente suddivisi in tre categorie distinte:

• Disfunzioni sessuali (disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale);

• Parafilie

• Disforie di genere

Le disfunzioni sessuali sono un gruppo eterogeneo di disturbi tipicamente caratterizzati da un’anomalia, clinicamente significativa, nella capacità di una persona di avere reazioni sessuali o di provare piacere sessuale (DSM-5). Le specifiche disfunzioni sessuali vengono trattate in diversi articoli e post, alcuni già presenti nel sito.

La tabella che segue è tratta dal seminario tenuto dal professor Sungur “Terapia di coppia e sessuale”, 2015.

DSM-5

La nosografia internazionale di riferimento è rappresentata dal Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali dell’American Psychiatric Association giunto alla quinta edizione (DSM-5). Le disfunzioni sessuali comprese nel DSM-5 sono le seguenti:

  • eiaculazione ritardata
  • disturbo erettile
  • disturbo dell’orgasmo femminile
  • disturbo del desiderio sessuale e dell’eccitazione sessuale femminile
  • disturbo del dolore genito-pelvico e della penetrazione
  • disturbo del desiderio sessuale ipoattivo maschile
  • eiaculazione precoce
  • disfunzione sessuale indotte da sostanze/farmaci
  • disfunzione sessuale con altra specificazione
  • disfunzione sessuale senza specificazione

Una diagnosi di disfunzione sessuale richiede di escludere problematiche che sono meglio spiegate da un disturbo mentale non sessuale (per es., disturbo depressivo o bipolare, disturbo d’ansia, disturbo da stress post-traumatico, disturbo psicotico), allora dovrebbe essere posta solo la diagnosi di tale disturbo (DSM-5).

Le cause delle disfunzioni sessuali di natura fisica sono:

  • • squilibri ormonali (soprattutto nelle donne in età vicina alla menopausa);
  • • il diabete;
  • • l’abuso prolungato di alcol (entrambi legati alle disfunzioni erettili negli uomini);
  • • disturbi neurologici;
  • • effetti collaterali di alcuni farmaci.

Le cause più comuni delle disfunzioni sessuali sono di natura psicologica:

  • • l’ansia da prestazione;
  • • il timore della gravidanza o della trasmissione di malattie virali;
  • • la depressione;
  • • le idee distorte relative al sesso;
  • • i pregiudizi di tipo religioso o morale;
  • • problemi relazionali;
  • • senso di inadeguatezza.

Le dinamiche della coppia hanno un impatto importante nella vita sessuale. È necessario escludere, con esami medici specifici, la presenza di eventuali disfunzioni organiche. Accertata la funzionalità fisica degli organi, il problema dovrà essere affrontato sul piano psicologico: la psicoterapia permette di superare questo tipo di problemi. Nella terapia sessuale il terapeuta facilita l’abilità del cliente a scoprire e incrementare soluzioni efficaci alla difficoltà che si presentano.

Il trattamento delle disfunzioni sessuali

La prognosi delle disfunzioni sessuali è molto buona. È stato dimostrato che i migliori risultati derivano proprio dalle psicoterapie psicodinamiche e dall’applicazione delle tecniche di terapia cognitivo comportamentale ad ogni specifico disturbo, combinate con una ristrutturazione cognitiva dei pensieri disfunzionali legati al sesso. Tali tecniche consistono in esercizi volti ad ottenere un riaddestramento graduale alle abilità compromesse.

Condizionamento reciproco tra pensieri ed emozioni nel mantenimento del sintomo sessuale

Non riconoscere il significato di una vergogna, di un’ansia o anche della rabbia che precede o sorge durante un’attività sessuale costituisce il meccanismo di base del disagio sessuale. Vergogna e rabbia sono alcune delle emozioni che possono avvenire in concomitanza con processi cognitivi (pensieri, immagini, ricordi) che influenzano l’attività sessuale provocando un circolo vizioso di mantenimento del sintomo stesso (Rossetto, 2018).

La sessualità è un evento psicosomatico

Nella cultura medico sanitaria la funzione sessuale può essere spesso ricondotta al funzionamento di altri organi corporei. Questa cultura porta alla ricerca di soluzioni che riparino il “guasto” nell’organo in presenza di una disfunzione sessuale. Per alcune percezioni o specificità sensoriali come udito, vista e olfatto esistono apparati periferici specifici e differenziati (Imbasciati e Buizza, 2011), ciò non vale per la sessualità: studi della neurofisiologia confermano l’assenza di recettori specifici del piacere negli organi genitali, sono invece presenti reattività sensoriali di tipo tattile termico e dolorifico.

Clinica e sessualità

Il cervello non opera per riflessi, ma opera con processi complessi derivanti dalla storia affettivo-sessuale e dal contesto situazionale che verrà a crearsi.

Non riconoscere e di conseguenza non regolare le dinamiche emotive, attribuire distorti significati alle proprie e altrui emozioni, costituiscono, in molti casi, il nucleo causale di differenti sintomatologie cliniche (Nemiah Sifenos, 1970). Da un punto di vista clinico, quando una persona prova un disagio, un disturbo o è insoddisfatta nelle sue funzioni sessuali, occorre conoscere i le dinamiche e i meccanismi emozionali esperiti nella storia della sua vita sessuale. Ovviamente c’è bisogno di escludere la presenza di patologie della sfera organica che potrebbero essere alla base del disturbo (screening uro-andrologico e ginecologico).

Terapia focalizzata sul disturbo sessuale e la psicoterapia

La Terapia focalizzata sul disturbo sessuale deve tenere conto della storia affettivo/emotiva delle persone e del loro grado di conoscenza e riconoscibilità delle proprie emozioni. Nella psicoterapia si tiene conto di ogni ambito della vita delle persone e il disturbo sessuale rappresenta uno dei diversi punti critici dello scompenso. In entrambi i casi il clinico ha sempre un quadro della personalità del paziente e del suo funzionamento.

Bibliografia

Imbasciati A. e Buizza C. (2011), L’emozione sessuale, Napoli, Liguori.

Nemiah J. C. e Sifenos P.E. (1970), Affect and fantasy in patients with psychomatics disorders. In O. Hill (a cura di), Modern trends in psychomatic medicine, vol. 2, Londra, Butterworths.

Rossetto M. (2018), Le terapie delle problematiche dell’eccitazione sessuale, Trento, Erickson.